rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica

La consulta giovanile di Terni ha un “volto”. E cinque “tavoli” per cominciare a lavorare

Votata dall’assemblea la proposta grafica per il logo, la presidente Monia Santini: un brand del fare. Dalla cultura all’ambiente, le tematiche su cui si daranno da fare i 35 ragazzi

È stato uno dei primissimi stimoli rivolti dalla presidente delegata Monia Santini ai membri dell’assemblea della consulta giovanile Terni, quello di creare un logo identificativo per la consulta stessa, per la comunicazione generale ma soprattutto per rendere tutto il lavoro futuro facilmente identificabile, quasi possa diventare un “brand del fare”.

Proposta Spfia Djamila Dindalini-2Nella seduta di ieri 14 luglio, che si è svolta nonostante le classiche problematiche tipicamente estive di assenze per vacanze e simili, l’assemblea ha votato la proposta grafica più gradita tra quelle che erano state presentate e la vincitrice è quella di Sofia Djamila Dindalini. Cinque le proposte grafiche sottoposte al vaglio della presidenza prima e del voto dell’assemblea poi - quelle di Alessio Moroni, Ilaria Brizi, Giordano Domenici, Virginia Grisci e appunto la vincitrice Sofia Djamila Dindalini - tutte considerate “molto valide e con un grande lavoro alle spalle di interpretazione e simbologia che avrebbe fatto invidia a grafici di altissimo livello”, afferma la presidente Santini.

Loghi consulta giovanile Terni

La seduta ha visto un altro importantissimo passaggio che permetterà finalmente ai 35 ragazzi che compongono la consulta di cominciare a lavorare fattivamente per la città più giovane, quello della creazione dei tavoli di lavoro divisi per tematiche previsti dal regolamento. I tavoli sono cinque e si occuperanno di cultura, arte e spettacolo; istruzione, diritto allo studio, università; salute; lavoro, sport, politiche sociali e integrazione; ambiente, sviluppo, trasporti.

Sempre su stimolo della presidente Santini, i ragazzi - coordinati principalmente dal vicepresidente Luca Serantoni - hanno creato un regolamento interno per i tavoli di lavoro tranquillamente fruibile anche, si spera, per il proseguio negli anni della vita della consulta giovanile. Nei prossimi giorni verranno definitivamente assegnati i vari membri a ciascun tavolo di lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La consulta giovanile di Terni ha un “volto”. E cinque “tavoli” per cominciare a lavorare

TerniToday è in caricamento