“Signora Marini”, la presidente risponde a Salvini: forse avrò tempo anche di conoscere il sesto ministro dell’interno

L’affondo del vicepremier: sarà la prossima a fare le valige. La governatrice: cosa mi attende, un carro bestiame? Polemica anche dall’assessore regionale alla sanità

Signore e signori. È polemica social tra il vicepremier e ministro dell’interno, Matteo Salvini, e la giunta regionale dell’Umbria.

Alle accuse lanciate questa mattina da Matteo Salvini da Terni, risponde prima la presidente dell’Umbria, Catiuscia Marini, e poi – a stretto giro di posta – anche l’assessore regionale alla sanità.

Parlando delle prossime sfide elettorali, Salvini ha apostrofato Marini chiamandola “signora” e dicendo che la governatrice sta “preparando le valige”

“La signora Marini, la prossima a fare le valigie... Certo, inquietante detto da un ‘signore’ che pro tempore fa il ministro dell’Interno – scrive sul suo profilo facebook Marini - Cosa mi attende un treno speciale, un carro bestiame, un lager? Comunque, in 9 anni di presidenza di Regione ho conosciuto 5 signori ministri dell’Interno, forse avrò tempo anche per il sesto...”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E mentre Marini componeva la sua replica social, si metteva al lavoro anche l’assessore regionale alla sanità, Luca Barberini. “Oggi il prode ministro Salvini, in visita a Terni, ha parlato di una sanità umbra che ‘invece di andare avanti va indietro’. Peccato che, giusto qualche settimana fa, sia stato proprio il suo Governo a certificare che la sanità umbra è tra le migliori d’Italia, addirittura avanti a Regioni come Lombardia e Veneto, molto care e molto vicine al ministro Salvini. E questa non è certo una novità, visto che l’Umbria è da anni punto di riferimento in Italia per qualità ed efficacia delle prestazioni sanitarie e della loro sostenibilità finanziaria. Anzi, nel 2019 siamo addirittura al secondo posto nella classifica, stilata dall’attuale ministero della Salute, delle 5 Regioni ritenute idonee ad essere ‘benchmark’, cioè di riferimento per il riparto del Fondo sanitario nazionale per l’anno in corso. E sapete come siamo riusciti ad ottenere risultati così importanti, pur essendo una piccola regione? Grazie a un grande lavoro di squadra, grazie a una buona amministrazione e soprattutto grazie al lavoro, alla professionalità e alla passione degli operatori della sanità regionale, ogni giorno in prima linea al servizio dei cittadini per garantire buona sanità. Quindi, CARO MINISTRO, prima di sparare a zero su tutto e tutti e PRIMA DI DENIGRARE IL LAVORO dei professionisti e degli operatori della SANITÀ UMBRA, S'INFORMI, studi, approfondisca e POI, SEMMAI, PARLI. Un saluto e un ‘abbraccione’ dalla buona sanità umbra!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento