Sport

Sport a Terni: “Un tunnel igienizzante primo ed unico in Italia per la ripresa delle attività”

L’annuncio degli Arcieri Città di Terni in previsione del prossimo futuro. Grazie infatti al nuovo strumento: “Sarà possibile riprendere l’attività indoor al termine della stagione estiva”

foto di repertorio

Dalla scorsa settimana gli Arcieri Città di Terni sono tornati a svolgere l’attività sportiva, all’interno dell’Archery Training Center, conformandosi a tutte prescrizioni previste dalla Fitarco. In primis l'utilizzo della mascherina divenuta obbligatoria per gli atleti che ordinatamente e rigorosamente, alla giusta distanza, si alternano sulla linea di tiro. Inoltre distanza di sicurezza rispettata anche dai bersagli allontanati, gli uni dagli altri, per adeguarsi alle direttive della Federazione.

Insomma ripartenza sì ma prestando massima attenzione a tutte le normative volte a limitare la diffusione del contagio. Al momento è possibile sostenere solo allenamenti, dato che la Fitarco ha sospeso l’attività agonistica. Tuttavia possibili novità potrebbero arrivare a breve.

Novità e futuro

Nella già ricca dotazione di attrezzature in possesso degli Arcieri Città di Terni hanno fatto capolino nuovi strumenti acquistati dalla società ternana grazie ai contributi ricevuti nel 2019 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri attraverso il progetto “uno sport senza barriere” (9.876 euro) e a quelli firmati Fondazione Carit (6.575 euro). Grazie a questi fondi è in dotazione un ulteriore e innovativo materiale utile per lo svolgimento dell’attività, tecnica e atletica, paralimpica.

Un upgrade importante che accresce la qualità dell’Archery Training Center, punto di riferimento nazionale per quanto riguarda il Para Archery. A breve arriverà nell’impianto ternano il tunnel igienizzante con il quale sarà possibile riprendere l’attività indoor al termine della stagione estiva.

L’investimento, di oltre 5.000 euro, consentirà all’impianto ternano di essere il primo e unico in Italia ad avere anche questo ulteriore strumento di sicurezza. Inoltre si sta lavorando per implementare l’applicazione per smartphone, tablet e pc con la quale sarà possibile prenotare la postazione di tiro ed evitare così code e affollamenti all’interno dell’impianto.

“Come Federazione stiamo lavorando alla creazione di qualcosa che possa consentire a tutti gli atleti di tornare a sfidarsi nel pieno rispetto delle prescrizioni – afferma Stefano Tombesi consigliere federale – l’intero movimento ha reagito benissimo in questa prima settimana di riapertura. C’era tanta voglia di tornare ad imbracciare l’arco, a scoccare le frecce ma anche a sfidare il compagno di squadra, l’avversario di una vita. Per questo alla Fitarco siamo pensando a qualche iniziativa che consenta di tornare a gareggiare. Magari già da questo mese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport a Terni: “Un tunnel igienizzante primo ed unico in Italia per la ripresa delle attività”

TerniToday è in caricamento