rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Attualità

Terni, aree sgambamento dei cani: “Censire e riqualificare. Lo stato di manutenzione di alcune è insufficiente per la sicurezza”

Interrogazione sottoscritta dai Consiglieri comunali ed esposta da Maria Elena Gambini, nel corso del Consiglio comunale

Un atto di indirizzo sottoscritto dai Consiglieri comunali di Alternativa popolare, dedicato agli amici a quattro zampe. Nel corso della seduta del Consiglio comunale di stamattina, lunedì 18 marzo, il documento è stato presentato ed illustrato da Maria Elena Gambini. Tale atto è rivolto al sindaco ed alla giunta con l’obiettivo di censire e riqualificare le aree, collocate in diverse parti della città.

Il documento nel dettaglio: “In Umbria molte sono le famiglie che vedono la presenza di un cane. Non tutte le famiglie dispongono di uno spazio esterno privato, per poter garantire un adeguato sgambamento ai loro animali domestici. Da qualche anno sono state istituite apposite aree destinate alla socializzazione, sottoposte ad apposito regolamento. All’interno i cani possono muoversi liberamente, a condizione che il proprietario rispetti poche regole chiare”.

Un input all’amministrazione: “Il Comune di Terni ha già realizzato nel corso degli anni apposite aree per lo sgambamento dei cani. Tuttavia lo stato di manutenzione di alcune di esse è insufficiente a garantire la sicurezza a causa soprattutto delle recinzioni danneggiate, esponendo a rischi anche la stessa amministrazione che ne è responsabile civilmente e penalmente”.

Pertanto: “I consiglieri impegnano il sindaco e la giunta, a censire e pubblicare sul sito del Comune di Terni le aree adibite allo sgambamento dei cani con la relativa georeferenziazione. Inoltre inserire la riqualificazione delle aree in oggetto tra i parametri migliorativi dell’appalto di Global Service, per la gestione del verde pubblico di prossima realizzazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, aree sgambamento dei cani: “Censire e riqualificare. Lo stato di manutenzione di alcune è insufficiente per la sicurezza”

TerniToday è in caricamento