Palazzo pericolante e sotto sequestro, l'appello per la messa in sicurezza

A Cesi palazzo Lausi versa in condizioni critiche da anni, la preoccupazione dei residenti: “Il tetto è sfondato e il comignolo sta per crollare”

Fino a vent'anni fa, i locali che danno sulla strada ospitavano il giornalaio del paese. Oggi la situazione è ben diversa, per palazzo Lausi, che si trova proprio di fronte alla vecchia sede della ex-Circoscrizione Colleluna. L'acquisto da parte di una ditta che avrebbe dovuto riqualificare l'edificio non ha portato ai risultati sperati, e questo è sotto gli occhi di tutti. Quando si arriva a Cesi, infatti, è impossibile non notare l'edificio pericolante, con chiarissimi segni di infiltrazioni d'acqua e dal tetto in pessime condizioni, che non solo è chiaramente inagibile, ma che è anche posto sotto sequestro dal Tribunale: sarebbe proprio questa condizione a impedire gli interventi minimi di messa in sicurezza. 

L'acquisto e il sequestro del Tribunale

“Purtroppo negli ultimi cinque anni, cioè da quando l'edificio è stato messo sotto sequestro dopo il fallimento della ditta, non è stato possibile effettuare nessun tipo di intervento – afferma il presidente della Pro loco Cesi Mirco Bisonni – e la situazione è ormai davvero pericolosa, soprattutto per i residenti delle case vicine e, in generale, per chi si trova a passare lungo il perimetro del palazzo. Il tetto versa in condizioni disastrose, i coppi sono instabili, poco tempo fa è caduta parte del comignolo. Quando capitano questi episodi, i vigili del fuoco non possono far altro che transennare con il nastro, e di certo questa non è la soluzione”.
Che il tetto sia messo davvero male lo sa bene la signora Ada che, dalla finestra sua camera da letto, tiene sotto controllo la situazione: “Una notte ho sentito un gran rumore, mi sono affacciata e ho visto che una bella parte di tetto era crollata. La parte di comignolo rimasta in piedi sta cedendo piano piano, e rischiamo che ci finisca in testa mentre passiamo per tornare a casa. E' un grande peccato: l'interno del palazzo era bellissimo, c'era un camino antico, adesso è tutto rotto, entrano i piccioni, il piano terra è pieno d'acqua...insomma, un disastro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cesi tetto palazzo lausi-2
La soluzione non può certo essere quella di transennare l'edificio ogni volta che si verifica un episodio di crollo di coppi o cornicioni, impedendo il passaggio e rendendo di fatto impossibile rientrare a casa a chi abita nelle vie limitrofe. “Nonostante la situazione sia complicata – concludono i residenti – chiediamo che possano essere effettuati degli interventi di messa in sicurezza, per il bene di chi vive qui, soprattutto persone di una certa età, e per rendere più decoroso il punto d'ingresso al paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento