rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Attualità

Piediluco, Pnrr e centro nazionale di canottaggio: “Nessun nuovo riscontro dopo due mesi”

La nota del circolo Pd: “Assordante silenzio sul progetto che preoccupa molto”

Il progetto per lo sviluppo del centro nazionale di canottaggio a Piediluco da finanziare con il Pnrr. A distanza di due mesi dagli ultimi aggiornamenti il circolo Pd di Piediluco, in una nota a firma del segretario reggente Sandro Piccinini, torna a parlare della questione: “Dall’ 8 agosto 2023, giorno in cui si è svolto l’incontro pubblico alla presenza degli assessori comunali Giovanni Maggi e Marco Schenardi e dei tecnici del Comune di Terni, dei progettisti vincitori del bando e dalla ditta incaricata, sono infatti ormai trascorsi due mesi senza che ad oggi si siano avuti riscontri. Questo assordante silenzio anche sui media a proposito del progetto ci preoccupa molto in quanto se non si fa chiarezza su come si intende procedere, inevitabilmente si metteranno a forte rischio le gare di canottaggio previste per il 2024, con ripercussioni sull’economia del paese e dell’intero comprensorio ternano. 

“Chiediamo pubblicamente - continua la nota - se sono state accolte alcune delle richieste avanzate nel corso dell’incontro come ad esempio: è stata analizzato l’iter di gestione del centro individuando anche la figura del responsabile per la sicurezza, giungendo così ad una soluzione della problematica in oggetto? Sono stati individuati gli spazi per la sosta dei carrelli e dei furgoni a servizio degli equipaggi visto che nel progetto iniziale non sembra esservi traccia? Sono stati individuati degli spazi a destinazione commerciale? Per quanto riguarda le alberature, la messa a dimora dei pioppi non sembra essere la migliore soluzione pertanto sono stati svolti ulteriori studi anche in termini di sicurezza? Ricordiamo poi che nella medesima riunione è stato reso noto che si intende procedere all’abbattimento ed alla ricostruzione in legno della struttura del circolo canottieri, per quale motivo si è scelto tale materiale? Come si intende e con quali risorse si intende procedere alla manutenzione di tali spazi e a carico di quale soggetto si intende imputare tale spesa?”.

“Come circolo Pd - conclude -, anche in virtù degli interrogativi precedentemente esposti chiediamo di conoscere a che punto si trovi l’iter che riguarda il progetto di riqualificazione dell’intero centro nautico Paolo D’Aloja, se è stato elaborato un cronoprogramma e da dove inizieranno i lavori. Riteniamo infatti di preminente interesse pubblico per i cittadini e per gli sportivi che utilizzano il centro avere delle risposte in proposito”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piediluco, Pnrr e centro nazionale di canottaggio: “Nessun nuovo riscontro dopo due mesi”

TerniToday è in caricamento