rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Si rinnova la tradizione della solidarietà con il pranzo di Natale in episcopio: pacchi per 120 persone

L’iniziativa promossa dalla Diocesi è stata offerta dall’associazione Terni col cuore. Gli studenti del Casagrande-Cesi hanno preparato il panpepato da offrire agli ospiti

Il tradizionale appuntamento del pranzo di Natale in episcopio del 25 dicembre è segno di solidarietà con i più poveri e per le persone in particolari situazioni di disagio, difficoltà e solitudine. Quest’anno è stato offerto dall’associazione “Terni col cuore” presieduta da Paolo Tagliavento, che ha interamente finanziato il pranzo, preparato con monoporzioni confezionate, dall’antipasto, due primi, due secondi, contorni, dolce.

La consegna di 120 pacchi con il cibo e bevande è avvenuta sotto i portici della cattedrale di Terni, per quello che è diventato un pranzo da asporto e non più in episcopio, reso impossibile a causa del riacutizzarsi della diffusione del Covid19.

A fare gli onori di casa il vescovo Giuseppe Piemontese, insieme al sindaco Leonardo Latini e a Paolo Tagliavento che hanno salutato i presenti e formulato gli auguri di buone feste.

“Viviamo tutti momenti difficili, alcuni in modo grave a causa della malattia e della sofferenza fisica e morale - ha detto il vescovo - ma non dobbiamo disperare perché abbiamo la luce del Natale che porta speranza, pace e amore. Il Natale è un momento di familiarità che abbiamo condiviso negli anni passati nel pranzo insieme in episcopio. Quest’anno festeggiamo a distanza, ma con lo stesso affetto e vicinanza ad ognuno di voi e alle vostre famiglie”.

Tante le famiglie presenti, assistite dalle associazioni caritative della diocesi, altre della parrocchia di Santa Maria del Rivo e delle case di accoglienza, famiglie che vivono particolari situazioni di bisogno a seguito della pandemia, immigrati e anziani, che ordinatamente hanno ricevuto il pranzo, i pacchi natalizi offerti dall’Ast, il panpepato donato dagli studenti dell’istituto “Casagrande - Cesi” di Terni e i regali per i bambini offerti sempre dall’associazione “Terni col cuore”.

I volontari, anche loro presenti in misura ridotta per le norme sul distanziamento e anti Covid, si sono occupati della buona riuscita dell’evento, dall’allestimento all’accoglienza, alla distribuzione.

Anche il sindaco di Terni, Leonardo Latini, ha salutato i presenti ed ha ricordato quanto sia importante questa tradizione di ritrovarsi insieme per il Natale e di cercare di rendere le feste il momento più bello per tutti, facendo sentire il calore della solidarietà e della vicinanza degli altri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rinnova la tradizione della solidarietà con il pranzo di Natale in episcopio: pacchi per 120 persone

TerniToday è in caricamento