“Sii, società del gruppo Acea”, l’ultimo tassello dell’affare: via libera al finanziamento da 30 milioni di euro

Venti milioni saranno accordati da Bnl e Ubi banca mentre gli altri dieci milioni sono garantiti dalla multiutility romana dopo la cessione di quote da Asm Terni a Umbriadue

Acea apre i rubinetti del credito e nelle casse del Servizio idrico integrato di Terni arrivano 30 milioni di euro. Un “finanziamento strutturato a lungo termine” che rappresenta l’ultimo tassello dell’operazione che ha portato al passaggio di quote del Sii da Asm Terni a Umbriadue.

LEGGI | Asm-Acea, affare fatto

A comunicare l’esito della “perazione di finanziamento” è la stessa multiutility romana che parla di Sii come “società del Gruppo Acea a capitale misto pubblico-privato che gestisce dal 2002 – in regime di affidamento trentennale – il servizio idrico integrato nel sub ambito 4 della regione Umbria, territorio che ricomprende 32 comuni della provincia di Terni, con una popolazione residente di oltre 220.000 abitanti e reti idriche e fognarie gestite per oltre 3.800 chilometri”.

Acea spiega anche i dettagli dell’operazione: “Il nuovo finanziamento di 20 milioni di euro, accordato da Bnl Gruppo Bnp Paribas e da Ubi Banca – Gruppo Intesa Sanpaolo, unitamente al finanziamento di 10 milioni di euro accordato da Acea (socio industriale di Sii) rappresenta la più importante operazione di finanza strutturata legata ad obiettivi di sostenibilità nel settore del servizio idrico integrato in Umbria”.

LEGGI | Servizio idrico, il nuovo corso comincia col rincaro delle bollette

“L’operazione – rileva Acea - è stata realizzata grazie all’impegno dei soci pubblici e dei soci imprenditori (Umbriadue Servizi Idrici scarl, Asm Terni spa e Aman scpa) che hanno condiviso un percorso che ha portato al rafforzamento della partecipazione e della governance di Acea, primo operatore idrico in Italia, a dimostrazione del forte coinvolgimento industriale e strategico”.

Il finanziamento permetterà a Sii di realizzare “importanti interventi in infrastrutture idriche, fognarie e di depurazione confermando l’impegno ad operare secondo criteri di sostenibilità per raggiungere obiettivi di valore ambientale e sociale, inclusa la significativa riduzione delle perdite idriche (che a Terni sfiorano il 50 per cento, ndr) a salvaguardia della risorsa. Fino al 2031 sono previsti, infatti, circa 130 milioni di euro di nuovi investimenti”. I soldi consentiranno di chiudere anche una partita pregressa di crediti-debiti da parte di Sii nei confronti dei comuni soci per circa 10,5 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento