rotate-mobile
Attualità

Servizio idrico integrato, investimenti per 50 milioni di euro sul territorio nell’ultimo triennio

Bilancio di fine mandato per il presidente Carlo Orsini. Rumors su Lorenzo Filippetti (Ap) come possibile successore a capo dell’azienda

Servizio idrico integrato, arriva il bilancio di fine mandato con Carlo Orsini presidente. L’azienda fa sapere che dal 2020 al 2023 “sono stati fatti investimenti per 50 milioni di euro, con 3mila interventi sulla rete idrica ed impianti di tutto il territorio servito”. Bilancio di fine mandato che apre anche la discussione sul successore di Orsini. 

Rumors e primi indizi portano al nome di Lorenzo Filippetti (Ap) in pole position per la carica. Presidente che comunque dovrà essere votato dall’assemblea dei sindaci con qualche frizioni, sempre stando ai rumors, da parte del Pd. 

“Dal 2020 al 2023 - fa sapere il Sii - sono stati fatti investimenti per 50 milioni di euro, con 3mila interventi sulla rete idrica ed impianti di tutto il territorio servito. Gli investimenti hanno riguardato interventi sugli impianti di depurazione, acquedotti, impianti di potabilizzazione, con uno sguardo attento al progetto di ricerca perdite ed all’efficientamento energetico. Tutti gli interventi sono stati finalizzati oltre che all’ottimizzazione dei servizi anche alla salvaguardia dell’ambiente. Il sistema di adduzione e distribuzione di acqua potabile di Sii ha comunque permesso di garantire il servizio all’utenza anche in occasione della grave crisi idrica dello scorso anno. Molti sono i progetti che riguardano il futuro, anche dal punto di vista gestionale, con la migrazione di tutti i dati dell’azienda in un sistema Sap”

“I bilanci degli ultimi anni - continua la nota - sono sempre stati chiusi in utile, permettendo il consolidamento del patrimonio aziendale. L’affidabilità e la solidità dei bilanci hanno fatto in modo che l’azienda potesse rafforzare la propria credibilità e fornire un servizio senza soluzione di continuità, nonostante gli aumenti dei costi del servizio derivanti in primis dalla crisi energetica. Ogni anno l’azienda distribuisce sul territorio un controvalore economico – per lavori e servizi - di oltre 40 milioni di euro annui”. 

“Nell’ultimo triennio - conclude - sono stati introdotti nuovi servizi tra cui lo sportello a casa tua, che permette a tutti i clienti di usufruire del servizio digitale senza recarsi agli sportelli e la bolletta web, che i clienti possono ricevere appena emessa, senza dover attendere i tempi di spedizione. Attivati anche il bonus sociale ed il bonus integrativo idrico, grazie ai quali i clienti meno abbienti riscontrano un beneficio concreto pari al risparmio di due bollette l’anno. È stato messo in rete anche il nuovo sito internet, molto più fruibile, semplice ed aggiornato”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio idrico integrato, investimenti per 50 milioni di euro sul territorio nell’ultimo triennio

TerniToday è in caricamento