rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Politica Centro

“Bella ciao” nella giornata contro la violenza sulle donne, Cecconi: “Il 25 novembre è di tutti, per le canzonette c’è tempo”

La vicenda partita da un post pubblico nella pagina Facebook dell’assessore al Welfare: "Parodia irriverente, tentativo di appropriarsi di qualcosa che è universale" | VIDEO

Quando arriva nella sala giunta di Palazzo Spada, l’assessore Marco Cecconi ha le idee ben chiare: “Non c’è nessuna polemica, non vogliamo che si parli di polemica”, dice mentre sistema sul tavolo i dépliant verdi sulle attività (già in atto) di contrasto alla violenza di genere organizzate dal Comune di Terni.

“Queste sono attività di tutti – prosegue l’assessore – vogliamo affermare che ci dev’essere massima serietà e massimo rispetto verso una giornata che è internazionale, senza distinzioni di nessun genere, senza che l’approccio possa essere ricondotto a una parte o ad un’altra”.

Facciamo un passo indietro. Ieri, 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, durante una manifestazione organizzata in piazza della Repubblica a Terni dove era stato allestito anche lo stand della polizia di Stato, risuonano le note di “Bella ciao” con un testo diverso. È il flash mob della Casa delle Donne di Terni “per la memoria e contro l’indifferenza”, dove si canta “Sorella ciao”.

Un’iniziativa che però non è piaciuta agli assessori comunali alle Pari opportunità e al Welfare Elena Proietti e Marco Cecconi, che hanno affidato le loro perplessità a un post pubblico su Facebook. Da qui è partita la polemica con commenti, condivisioni, prese di posizione, scatenamenti vari, insulti. Tanto che alla fine si è arrivati a dover convocare all’ultimo minuto una conferenza stampa ad hoc per questa mattina.

La bagarre social: ecco il post pubblicato

“È stata fatta una parodia che trovo irriverente rispetto al valore del brano musicale noto in Italia per tutt’altri versi – aggiunge ancora Cecconi – le donne che hanno subito violenza probabilmente fanno tutto tranne che cantare”. 

L’abbiamo trovato incoerente e come un tentativo di appropriarsi di qualcosa che è di tutti – spiegano gli assessori – la questione è solo questa, invitiamo tutti ad avere il rispetto dell’universalità di determinate scelte fatte con impegno, sacrificio e dedizione da questa amministrazione, dalla polizia di Stato e dal ministero degli Interni”.

Eppure c’era un tempo, non molto lontano fa, in cui era stato lo stesso assessore Cecconi a scrivere e a cantare in piazza le note di una “Bella ciao” in versione rivisitata per chiedere le dimissioni dell'allora sindaco Leopoldo Di Girolamo. “Ma quella era per un’opposizione politica – dice l’assessore – non c’entra nulla, sono situazioni diverse”.

Di canzone in canzone, di situazione in situazione, la non-polemica è stata l’occasione per presentare la consulta per per le pari opportunità che nascerà a breve: “Sarà un organo a costo zero a servizio della gente, delle fasce più deboli, che si occuperà di vagliare le varie manifestazioni e gli incontri da organizzare in città – conclude Elena Proietti – mi batterò fermamente affinchè non sia un organo politico, perché la politica va lasciata fuori da queste cose”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Bella ciao” nella giornata contro la violenza sulle donne, Cecconi: “Il 25 novembre è di tutti, per le canzonette c’è tempo”

TerniToday è in caricamento