Comune di Terni: “Non ci interessano le medaglie, l’obiettivo è rendere la città migliore”

Il capogruppo del Movimento cinque stelle Federico Pasculli: “Il famoso cambio di passo della giunta Latini al momento non c’è stato”

Terni

Un’analisi a tutto tondo. Focus su politica locale, bilancio, ambizioni, obiettivi e criticità da affrontare. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale ha tracciato un sunto di quanto fatto, nel corso dell’anno andato in archivio e dei propositi per quello iniziato da meno di un mese. A tal proposito, per dovere di informazione e pluralismo, abbiamo interloquito ed intervistato il capogruppo dei pentastellati ternani Federico Pasculli. Ricordiamo infatti che il Movimento cinque stelle, nella consultazione amministrativa tenutasi nel 2018, ha raccolto il secondo dato percentuale più elevato in città portando Thomas De Luca al ballottaggio.

federico pasculli-2

Analisi con Federico Pasculli

“Il Movimento cinque stelle tiene come opposizione un ruolo cardine e storicamente assume un ruolo ostinato, sotto certi punti di vista. Una formazione duratura nel corso degli anni, attraverso diverse forme di attivismo. Opposizione ma anche proposte e riflessioni come quella sulla tematica del Servizio Idrico Integrato dove ci siamo fatti valere. E’ una forza giovane ma stabilizzata e con prospettive di crescita”

Tre punti cardini del 2019 sui quali il Movimento cinque stelle ternano ha fatto perno: “Il Servizio Idrico Integrato che riguarda un vero e proprio patrimonio della cittadinanza. La lotta per il sociale e soprattutto a favore dei ceti medio abbienti, maggiormente in difficoltà come ad esempio i disabili. Altro punto focale l’ambiente dove serve trasparenza, confronto e chiarezza per superare le notevoli criticità esistenti nel territorio”.

Rapporto con le opposizioni: “A noi non piace sventolare le bandierine, non ci interessano le medaglie e neppure la propaganda populista: siamo inclusivi e non esclusivi. L’obiettivo è rendere la città migliore quindi sposiamo le proposte valide e le condividiamo se reputate tali

Diciotto cambi di casacca da inizio consiliatura: “Dall’esterno tutto ciò è percepito in modo critico. Un numero altissimo indice di una politica che non segue ideali e determinazione ma è a connotazione arrivista e personalizzata. E’ vero che non sussiste vincolo di mandato. Tuttavia l'avvicendamento è percepito come un tradimento nei confronti di chi ha scritto quel nome e/o cognome su una scheda bianca. Salire sul carro dei vincitori è troppo facile, servono altri tipi di atteggiamenti”

Obiettivi: “Tornare ad incontrare le persone e riappropriarci delle piazze. Ci sono anche i territori limitrofi che necessitano di particolare attenzione, ad esempio faccio riferimento a Collescipoli, Cesi, Piediluco per citarne alcuni. Occorre inoltre riportare il cittadino verso la politica e non aspettare che accada il contrario. Coinvolgere le persone è determinante perché la politica non può essere ignorata. Ricordiamoci sempre che siamo pro tempore all’interno della casa comunale di un qualcosa che non appartiene soltanto a noi”

Proposte: “Esodo dei giovani ovvero una questione preponderante che va ripresa. Sviluppo economico coinvolgendo stakeholder ed investitori per portare vero lavoro in città e non faccio riferimento ai centri commerciali. Giocare in difesa è abbastanza sterile. Infine lavorare di più su deleghe come sviluppo economico e commercio”

Giunta Latini, il giudizio di Pasculli : “Il famoso cambio di passo non c’è stato. Non bastano le luminarie (comunque ben vengano ndr). Occorrono significativi passi in avanti per ambiente, economia, sviluppo e mobilità. Da parte nostra proseguiremo a monitorare proponendo le nostre idee per un futuro prossimo che, speriamo, possa garantirci maggiore fiducia da parte della cittadinanza”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento