Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Comune di Terni, è bagarre sui finanziamenti alle aziende: “Siamo alla fuffa”. La risposta: “Convocare i vertici dell’Abi”

Dopo la presa di posizione della Lega: “Nessun trasferimento immediato nelle imprese” sono intervenuti i consiglieri comunali del Movimento cinque stelle chiedendo: "La convocazione dei vertici regionali Abi”

Un botta e risposta a distanza, come non può essere altrimenti in questo periodo di emergenza sanitaria, tra Lega e Movimento cinque sui finanziamenti da erogare a favore delle aziende. I consiglieri del Carroccio li hanno bollati come: “Promesse” specificando come: “Nella realtà non si tratta di denaro, a fondo perduto, da erogare alle aziende che sono drammaticamente ferme da ormai due mesi a causa dell’emergenza Covid-19”. Di converso: “Un vero e proprio prestito erogato dalle banche, sottoposto a tutti i vincoli e le misure cautelative. Quindi nessun trasferimento immediato nelle imprese che devono pagare fornitori, affitti, tasse, stipendi arretrati ma una procedura di richiesta di denaro, nella quale la banca valuta l’indebitamento complessivo dell’azienda, le garanzie e i bilanci”.

Il gruppo consiliare della Lega ha poi aggiunto: “I fino a 25 mila euro per le piccole imprese anche nella cosiddetta procedura semplificata rimangono dunque un miraggio. Per non parlare del secondo scaglione fino a 100 mila euro, dove abbiamo segnalazioni di imprenditori che hanno avuto dalle banche la risposta di non perdere tempo a fare la domanda.  Pensavamo che il governo Conte facesse propaganda – affermano - ma qui siamo alla fuffa, come lamentano le associazioni di categoria finora le imprese non hanno visto un euro liquido, ma solo promesse, solo fuffa per le conferenze stampa della notte”.

La replica dei consiglieri pentastellati non si è fatta attendere: “Le accuse del gruppo consiliare della Lega che bolla come fuffa i fondi alle imprese sono estremamente gravi e tirano in ballo direttamente il sistema bancario. Lo stesso presidente dell'Abi Patuelli ha dichiarato - non più tardi di una settimana fa - che le pratiche potrebbero esser gestite ed evase anche in un solo giorno. Per questo riteniamo doveroso che vengano convocati al più presto i vertici regionali dell'Abi in un'apposita seduta di commissione così da rappresentare le problematiche evidenziate.

"Il nostro paese e la nostra città – sottolineano dal gruppo consiliare del Movimento cinque stelle - sono composti per la maggior parte da imprese di dimensione medio piccole, oltre che piccolissime o a carattere familiare. Proprio per questo è stata pensata questa importantissima misura, intrapresa tra l'altro anche da altri governi come la Germania per consentire a questo comparto un accesso immediato al credito prevedendo l’erogazione di prestiti fino a 25 mila euro con un tasso agevolato senza che le banche debbano effettuare alcuna valutazione di merito, così da ridurre al minimo i tempi per l’erogazione. A questo va aggiunto anche l'ulteriore agevolazione che prevede un preammortamento di due anni del finanziamento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Terni, è bagarre sui finanziamenti alle aziende: “Siamo alla fuffa”. La risposta: “Convocare i vertici dell’Abi”

TerniToday è in caricamento