Coronavirus e scuole chiuse, il Comune di Terni studia la sospensione delle rette alle famiglie

Mensa, trasporti e asili nido, il sindaco Latini: “Prima doveva essere solo una settimana, ora la situazione è cambiata. Stiamo verificando la possibilità di sospendere i pagamenti”

Qualche comune in Umbria – come ad esempio, Todi – e in Italia si è già attivato. E segnali in tal senso potrebbero arrivare dal decreto che tra oggi e domani il Governo dovrebbe emanare per indicare con quali misure si sosterranno famiglie e imprese, fiaccate dalle conseguenze dell’emergenza Coronavirus.

Tra i punti di chiarire, uno riguarda il pagamento delle rette scolastiche in questo periodo di sospensione. Da decreto, scuole e università resteranno chiuse (almeno) fino al prossimo 3 aprile, salvo ulteriori proroghe. E dunque c’è da capire se per questi giorni potrà essere praticabile la sospensione del pagamento delle rette per la refezione scolastica (le mense), i trasporti e le rette degli asili nido.

Ci stiamo lavorando – spiega il sindaco, Leonardo Latini – Prima la chiusura doveva essere di una sola settimana, ora la situazione è cambiata. Stiamo verificando la possibilità di sospendere i pagamenti”.

Calcoli che devono tenere conto della situazione di dissesto di Palazzo Spada e di eventuali risorse che potrebbero arrivare per decreto da Roma a vantaggio delle famiglie se, come sembra, dovessero essere recepite le proposte maturate dalle Regioni (sospensione delle rate dei mutui per 4/mesi, differimento del pagamento delle imposte, tranne l’Imu, di un semestre) ed accolti gli appelli che arrivano da più parti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In queste ore stiamo ricevendo centinaia di mail e messaggi di mamme e papà preoccupati. Una famiglia dovrà tirare fuori grosso modo 800 euro ogni 10 giorni. Se questa situazione durerà, come sembra, ancora un po’ costerà oltre 3.500 euro a famiglia. Mi raccomando semplificate. Fate un assegno per ogni figlio che duri tre mesi per gli under 12. Così è percepibile, utile, immediato, facile da comunicare – è l’appello di Gigi De Palo, presidente del Forum delle associazioni famigliari, rivolto a politici e governo - I voucher baby sitter sono complessi. I congedi parentali vanno bene, ma riguardano solo per lavoratori dipendenti e non le partite IVA. Siamo d’accordo con il bloccare il pagamento dei mutui per i prossimi 4/6 mesi per avere un po’ di liquidità familiare. Ma la maggior parte delle risorse devono essere destinate alle famiglie che stanno reggendo il sistema”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Coronavirus, nuovo balzo dei ricoverati e cinque decessi. A Terni cresce di cento unità il numero di Covid+

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento