Politica

Un palco a disposizione dei giovani, scintille e tensioni: “Proposta ridicola e dibattito surreale”. La replica: “Va rispettata”

Dibattito in seconda commissione sull’atto di indirizzo presentato dal capogruppo di Terni Civica Michele Rossi: “Non vuole essere la panacea di tutti i mali”

Una valvola di sfogo per consentire ai giovani di esprimere talento e creatività. L’atto di indirizzo, presentato dal capogruppo di Terni Civica Michele Rossi, è stato dibattuto nel corso della seconda commissione consiliare. All’interno del documento il preponente sottolineava l’importanza di mettere a disposizione dei ragazzi un palco, una piazza o un parco per esprimere la propria creatività. Un’alternativa alla: “Smodata bevuta” in un contesto di ripartenza, post emergenza sanitaria che ha provocato disagi e criticità. Ne è scaturito un dibattito piuttosto acceso, confronto animato soprattutto da continui ‘botta e risposta’.

Gli interventi

Ad inaugurare la discussione il capogruppo di Senso Civico Alessandro Gentiletti: “Il dibattito è surreale poiché i disagi avvertiti dai giovani sono molto più grandi, rispetto a mettere un palco in una piazza e tentare di risolverli. Le proposte avanzate dal consigliere Rossi sono uno specchietto per le allodole, a cospetto dei problemi reali. Ci si dovrebbe approcciare in modo diverso e questo atto di indirizzo lo reputo ridicolo. Pensare di affrontare in questo modo le politiche giovanili non lo accetto, le emergenze sono ben altre”. Diverso il parere della capogruppo del Misto Doriana Musacchi: “A mio avviso è un atto interessante. Un modo diverso di sfogarsi, positivo e che può aiutare a tirare fuori il meglio di loro stessi (i giovani ndr), confrontandosi e far uscire la loro parte creativa”.

Successivamente è stato il turno di Rita Pepegna, presidente di commissione ed esponente di Fratelli d’Italia: “Tanti giovani hanno bisogno di spazi all’esterno per farsi conoscere. Si potrebbe considerare questa iniziativa studiandola a tavolino. Ricordo che a causa del Covid non si poteva fare nulla. Ora si sta ricominciando a proporre nuove idee. Quando ci sono iniziative interessanti da parte dell’opposizione – rivolgendosi all’intervento di Alessandro Gentiletti - le accogliamo e le votiamo”. A far da pacere il consigliere della Lega Paolo Cicchini: “Forse questo è il momento di lavorare uniti, mediante uno spirito diverso. Non trovo così banale, se non nella forma, la proposta di Rossi. E’ estremamente interessante purché vada rivista e approfondita. Di certo non si può risolvere i problemi con un palco. Tuttavia trovando una sintesi è possibile trovare una soluzione condivisa”.

Dopo averlo presentato Michele Rossi è entrato ulteriormente nel merito dell’atto: “Non vuole essere la panacea di tutti i mali. E’ un’idea che ho recepito da parte della stragrande maggioranza dei giovani. Un modo per esprimersi, specialmente dopo essere usciti da profonde restrizioni. Immagino ad un palco prenotato, usato da diverse associazioni, gruppi, singoli magari nel fine settimana.” Infine Elena Proietti che, ufficialmente, ha lasciato la delega delle politiche giovanili a Maurizio Cecconelli, dopo il rimpasto di giunta: “La proposta del consigliere va rispettata, ha una sua dignità. Tutti devono avere rispetto. A me ad esempio piace. Il mio successore sono sicura che la accoglierà con favore, poiché si collega anche al comparto della cultura. Un’idea giovane, fresca. Va immediatamente attuata”. Infine il saluto: “Mi dispiace lasciare questa delega e ringrazio tutti gli uffici per il supporto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un palco a disposizione dei giovani, scintille e tensioni: “Proposta ridicola e dibattito surreale”. La replica: “Va rispettata”

TerniToday è in caricamento