Vendita delle quote dell’acqua. Il dibattito si riaccende da remoto: “Vogliono svenderla con il favore delle tenebre”

La dura nota congiunta di Senso Civico, Movimento 5 Stelle e Partito Democratico: “Vigliaccheria politica. Sindaco e giunta politicamente indegni”

foto di repertorio

“Cessione di parte delle quote di partecipazione detenute dalla società Asm Terni S.p.A. nella società S.I.I. S.c.p.A”. Giovedì 8 ottobre è stata convocata la terza commissione consiliare, al cui ordine del giorno è inserito il punto sopracitato. Torna dunque in auge una tematica che aveva suscitato tensioni e polemiche, nel corso dell’ultimo dibattito - datato dicembre 2019 - all'interno di un consiglio comunale molto concitato. Tuttavia, rispetto a quasi dieci mesi fa, sussiste una novità piuttosto rilevante. A causa del caso di positività al Coronavirus accertato nei giorni scorsi, si è resa necessaria la convocazione della seduta da remoto.

"Non appena le sedute sono tornate in modalità telematica a causa di un episodio di CoVid che ha riguardato un consigliere comunale, ampiamente contenuto grazie alle misure di sicurezza adottate dagli uffici, il sindaco e la giunta ne hanno approfittato per chiedere di calendarizzare improvvisamente la vendita delle quote dell'acqua” affermano in una nota congiunta Movimento Cinque Stelle, Senso Civico e Partito Democratico. Secondo i consiglieri era: “Già bocciata nel mese di dicembre grazie ad una grande partecipazione di cittadine e cittadini di ogni schieramento che in Consiglio comunale hanno fatto sentire la voce della città e convinto la maggioranza a non piegarsi ai diktat di una amministrazione spregiudicata e avventuriera del potere"

La novità annunciata dai consiglieri

“Stamattina è arrivata la notifica che giovedì si sarebbe deciso in terza commissione come svendere le quote di acqua dei ternani – proseguono nella nota - impedendo così ai cittadini di partecipare alla seduta e sperando di farla franca col favore delle tenebre. Il sindaco di Terni, è insieme alla sua giunta sempre più politicamente indegno di rappresentare i ternani dai quali fugge e di cui svende i beni. Reagiremo con forza a questo atto di vigliaccheria politica senza precedenti, che è un affronto a tutti i ternani, che già pagano bollette salatissime per la loro acqua. Un atto – dichiarano i consiglieri - che va contro la volontà popolare del referendum, che costituisce una vera e propria marchetta politica, che non avvantaggia nessuno dei contribuenti e che toglie al socio pubblico qualsiasi potere di controllo su un servizio essenziale che tanti fanno già fatica a pagare e che domani non vorremmo vedere senza più acqua”.

In chiusura i firmatari della nota aggiungono: “Chiediamo il passaparola e la mobilitazione della città in tutte le forme consentite contro un sindaco e una giunta che, ormai al capolinea della loro esperienza politica, stanno tentando di vendere di nuovo al banco dei loro pegni diritti e servizi che appartengono alle cittadine e ai cittadini di Terni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL CONSIGLIO COMUNALE DEL DICEMBRE 2019

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento