rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità

Terni pride, Riccardo Corridore: “Patrocinata la manifestazione con piena convinzione. Affermazioni improbabili da Maggiora”

Il vicesindaco risponde al segretario della Lega: “Rendesse conto dello sfacelo cui ha portato il suo partito che è stato cancellato dal Consiglio comunale”

A due giorni dal Terni pride il dibattito è piuttosto fervente, nel perimetro della politica locale. Il vicesindaco Riccardo Corridore, attraverso un post sui social, ha replicato alle dichiarazioni del segretario Devid Maggiora rilasciate nelle scorse ore: “Invece di fare affermazioni improbabili, rendesse conto dello sfacelo cui ha portato il suo partito che è stato cancellato dal Consiglio comunale da parte dei cittadini ternani. Ho sottoscritto personalmente, quale vice Sindaco in sostituzione di Stefano Bandecchi assente in quel momento, l’autorizzazione alla concessione del patrocinio. L’ho fatto con piena convinzione e senza esitazione alcuna”.

Ed ancora: “Piuttosto Maggiora che è il responsabile politico locale della Lega, spieghi alla città la reale situazione in cui sono state lasciate le casse comunali che noi risaneremo, perché ne abbiamo le competenze. Ma almeno tacete. Lega e Fratelli di Italia sono gli eredi del partito delle Leggi Razziali e le affermazioni del suddetto ne sono la piena conferma”.

A dare impulso alla manifestazione il capogruppo uscente di Senso civico Alessandro Gentiletti: “Sabato 17 a piazza della Repubblica il Terni Pride Day organizzato da Esedomani Terni. Alle 15 apertura degli stand informativi, alle 16e30 la manifestazione. L'iniziativa ha il patrocinio del comune di Terni che, attraverso il sindaco e il vicesindaco, lo ha rivendicato con orgoglio anche in queste ore, con prese di posizione coraggiose, nette e chiare. Così vengono asfaltate le polemiche di queste ore da parte di partiti scomparsi dal Consiglio comunale, così vengono cancellati e consegnati alla damnatio memoriae i cinque anni che abbiamo dovuto vivere, fra offese e ironie inaccettabili contro di noi, le nostre sorelle e i nostri fratelli, le nostre amiche e i nostri amici”.

La riflessione di Gentiletti: “La città di Terni ha scelto di voltare pagina e riprende il suo cammino mai interrotto, nel rispetto di tutte e tutti, dalla parte di chi è discriminato. Quello dei diritti è il terreno comune che viene prima di ogni divisione politica e che va sempre coltivato. Partecipiamo in tante e tanti e facciamo il passaparola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni pride, Riccardo Corridore: “Patrocinata la manifestazione con piena convinzione. Affermazioni improbabili da Maggiora”

TerniToday è in caricamento