menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Emergenza casa a Terni

Emergenza casa a Terni

Emergenza casa, in arrivo 127 appartamenti a canone ribassato

Gli immobili dell'Ater messi all'asta e rimasti invenduti saranno affittati con uno sconto del 30%, il presidente Almadori: "Dal Sunia di Terni polemica sterile, c'è accordo col sindacato a livello regionale"

Emergenza casa, in arrivo in tutta l'Umbria 127 appartamenti a canone ribassato. Di questi immobili di proprietà dell'Ater, 50 insistono nella provincia di Terni ovvero quelli messi all'asta a gennaio scorso - ma rimasti invenduti - al centro delle critiche da parte del segretario provinciale del Sunia di Terni, Romolo Bartolucci. 

"Una polemica fine a sé stessa e che mi lascia sorpreso - commenta il presidente di Ater Umbria, Alessandro Almadori - perché innanzitutto si parla di un'asta fatta a gennaio 2018, andata pressoché deserta, e poi perché proprio il Sunia a livello regionale conosce quali sono le nostre intenzioni riguardo gli immobili in questione". 

Dei 128 alloggi popolari messi in vendita in tutta la regione - "immobili di risulta in condomini dove la nostra presenza è ormai marginale", spiega Almadori - il 9 gennaio scorso ne è stato venduto soltanto uno, a Marsciano. Dei 50 appartamenti disponibili nella provincia 40 sono su Terni, mentre i restanti ad Orvieto, Narni, Alviano, Avigliano, Ferentillo, Ficulle, Giove e Stroncone. "Per Ater la vendita degli alloggi non è mai stata la soluzione - prosegue - e l'asta non si ripeterà. Abbiamo già l'autorizzazione della Regione per destinare questi immobili ad edilizia agevolata a canone ribassato del 30% per intercettare una fascia intermedia tra il canone sociale e il canone concordato. La Regione lo aveva già sperimentato nei piccoli centri in passato con i Puc3 ora noi vorremmo proporlo anche nelle città più grandi".

IL DOCUMENTO - L'elenco degli alloggi rimasti invenduti

All'assegnazione di questi alloggi potranno accedere coloro che già possiedono le caratteristiche per usufruire del canone concordato e l'Ater intende pescare nelle graduatorie che vengono aggiornate ogni tre mesi. "Potremmo eventualmente pensare di abbassare il limite di reddito - ragiona a voce alta Almadori - o eventualmente destinare alcune abitazioni a giovani coppie e single ma in questo caso sarebbe necessario un bando ad hoc mentre pescando dalle nostre graduatorie la procedura sarebbe più snella e veloce".

"Sull'emergenza abitativa in Umbria c'è un approccio complessivo e programmato - conclude - non siamo immobiliaristi come dice il Sunia di Terni al quale ricordo che un Ater con i conti in equilibrio è garanzia di capacità di azione. L'Umbria è la prima regione in Italia che ha utilizzato i fondi del Por Fesr per l'efficientamento energetico nell'edilizia residenziale pubblica e proprio in questi giorni, ad esempio, completeremo l'installazione di 150 nuove caldaie a condensazione a Cospea, per un importo di circa 3,5 milioni di euro. E presto, con il piano di manutenzioni che abbiamo in programma, raggiungeremo l'obiettivo di non avere più alloggi non assegnabili.     

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento