menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Tubificio di Terni

Il Tubificio di Terni

Sciopero al Tubificio, lunedì operai con le braccia incrociate

La protesta indetta dalle rsu di viale Brin dopo il confronto con i vertici delle acciaierie: "Notizie poco rassicuranti"

Braccia incrociate lunedì 8 ottobre due ore per ogni turno al Tubificio di Terni. E' la risposta delle rsu di Ast alla situazione emersa dopo il confronto tra sindacati e azienda sulle prospettive del Tubificio alle prese con una crisi di mercato che per i lavoratori non è soltanto dovuta alla congiuntura sfavorevole.

"Le preoccupazioni restano forti" dicono le rsu che temono un ridimensionamento di quello che da sempre viene considerato uno dei fiori all'occhiello della fabbrica. Oltre a quanto dichiarato ufficialmente dall'ad Burelli dallo stabilimento di Maratta arrivano altre notizie relative a macchinari fermi e riduzioni di turni che non lasciano presagire nulla di buono. E per questo hanno indetto uno sciopero nella giornata di lunedì dalle 9,30 alle 11,30 per il primo turno, dalle 14,30 alle 16,30 per il secondo e dalle 22 alle 24 per il terzo e ultimo turno. Durante l'astensione dal lavoro si terranno le assemblee nello stabilimento. 

L'attenzione sul Tubificio si era nuovamente accesa dopo l'annuncio dell'interesse del gruppo Marcegaglia a rilevare Ast, se e quando le acciaierie di Terni saranno ufficialmente messe in vendita dalla ThyssenKrupp. Perchè quello del Tubificio è uno dei pezzi dell'Ast che interessano particolarmente all'azienda mantovana già dai tempi della prima offerta in cordata con Aperam e il gruppo Arvedi. Uno "spezzatino" che tuttavia non piaceva e continua a non piacere ai sindacati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento