menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune, l'assessore Dominici "strega" i grillini: "Parla come uno di noi"

Il capogruppo del M5S, Simonetti: "Disponibili al dialogo con chi punta su onestà, trasparenza e competenza". E invece Melasecche delude i vecchi compagni di opposizione

L'assessore Dominici "strega" i grillini. Lo "show" in commissione sulle partecipate dell'assessore al Bilancio, il tecnico scelto dalla Lega per rimettere a posto in conti di palazzo Spada, sembra aver fatto breccia nei cuori dell'opposizione a 5 stelle.

"L'assessore Dominici ha parlato come un assessore del M5S - dice il capogruppo a palazzo Spada, Luca Simonetti - parole di onestà, trasparenza, anatemi contro i privilegi palesi di cui qualcuno in questi anni ha goduto a discapito della collettività. Reset degli incarichi nelle partecipate e spazio alle competenze. Apertura al confronto con le opposizioni su temi importanti come quello della privatizzazione di Afm, per cui si è detto disponibile a discutere su soluzioni alternative alla vendita. Si è persino chiesto - continua - se a Terni ci sia un solo avvocato visto che dai vari uffici il materiale pervenuto, afferma Dominici, abbia sempre la cartellina dello stesso studio legale. Ovviamente di lui abbiamo una conoscenza superficiale e giudicheremo i fatti perché le parole come sempre stanno a zero, ma come annunciato in commissione quando si tratta del bene dei molti e non degli interessi particolari di qualcuno saremo sempre disponibili al dialogo. Piuttosto mi chiedo se le sue parole siano piaciute a tutti i "compagni" di viaggio, che tengono in piedi questa maggioranza".

Che nella Giunta non scorra buon sangue tra alcuni assessori appare evidente viste in particolare le polemiche a distanza sulle misure per contenere le spese del personale sulle quali Dominici è tornato anche martedì pomeriggio durante l'audizione in terza commissione. Come è evidente che per un "amore" che stia sbocciando, sulle note del governo gialloverde che arrivano da Roma, un altro è ormai tramontato. Quello tra il M5S ed Enrico Melasecche, sempre a braccetto nella precedente consiliatura all'opposizione, e ora divisi su tutto a partire dalla vicenda dei pini abbattuti in via Lungonera Savoia. "Utilizzi le stesse relazioni dell'Afor sullo stato di salute degli alberi di cui parlava l'ex assessore Bucari che ha abbattuto centinaia di alberi in città che noi contestavamo insieme fino a qualche tempo fa", ha tuonato contro Melasecche in commissione Simonetti. C'eravamo tanto amati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento