Family Romance LLC, un Herzog “in famiglia”

Il “più grande regista del mondo” alle prese coi paradossi generati da surrogati umani, tradizione e tecnologia

Werner Herzog (Monaco di Baviera, 1942) è per me (ma non solo per me) il più grande regista del mondo (non solo il più grande regista vivente), capace di girare ancora oggi 3 o 4 film in un solo anno (un anti-Kubrick praticamente…), documentari o fiction per lui non ci sono distinzioni, animato da un’insaziabile curiosità nei confronti del mondo e dell’essere umano. Un antropologo prestato al cinema, che però non risulta mai un freddo analista, per l’empatia che ha nei confronti dei suoi personaggi (si ri-vedano i capolavori Strozek o Fitzcarraldo – per citarne solo due) e per la poesia che riesce sempre a trasmettere attraverso la contemplazione della realtà abbinata ad una scelta delle musiche sempre sorprendente (chi avrebbe mai pensato a dei cori sardi in un film di fantascienza? – L’ignoto spazio profondo, altro capolavoro).

herzog-2Werner Herzog è talmente un genio che a volte pare che il mondo del cinema se ne dimentichi (un po’ come il nostro italico cinema sembra abbia dimenticato geni viventi come Franco Piavoli). È così che passa un po’ in sordina a Cannes 2019, nella sezione Proiezioni speciali, l’ultimo film del regista bavarese, in bilico tra documentario e fiction, Family Romance LLC, girato interamente a Tokio: sicuramente un suo film minore, tanto da essere girato con un semplice smartphone ed un drone; ma la cosa geniale del film è che Herzog, nel narrare la storia di una famiglia “inesistente”, decide di utilizzare come troupe la sua di famiglia: lui stesso gira con un I-Phone, suo figlio si occupa della presa diretta audio e delle riprese aeree e sua moglie è fotografa di scena; questa scelta, se da una parte toglie qualità alla resa tecnica, dall’altra risulta un’estrema empatizzazione nei confronti dei personaggi. E la poesia non viene meno.

La Family Romance LLC è una vera società giapponese che fornisce surrogati umani in affitto a chi ne ha bisogno: un padre sobrio (al posto del vero alcolista) per il matrimonio di una ragazza, un impiegato servile che si prende una lavata di capo (al posto del colpevole) o un paparazzo che sappia rendere popolare una influencer (a corto di veri paparazzi).

Il film segue principalmente le vicende di Yuichi, (realmente) impiegato alla società Family Romance, intento a ricoprire il ruolo di padre di famiglia e di marito di una donna single che desidera una figura genitoriale per sua figlia adolescente, Mahiro. Madre e figlia man mano si affezionano molto al padre “surrogato” e iniziano a provare dei veri sentimenti per lui, soprattutto l’inconsapevole Mahiro. Questi sentimenti metteranno a dura prova la professionalità di Yuichi.

Il film mette la sua lente d’ingrandimento non tanto sulla famiglia ma sulla deriva tecnologica e (an)affettiva dell’umanità, che porta dritta all’alienazione dei sentimenti e alla solitudine. L’ambientazione è esemplare, il Giappone è uno dei Paesi più contraddittori al mondo: se da una parte rimane ancorato alle sue tradizioni (le lanterne rosse sul lago), dall’altra è ossessionato dal progresso tecnologico (i pesci-robot). Il corto-circuito di questa contraddizione è centrale in Family Romance, tanto che a fine film si ha, come gli stessi protagonisti, la sensazione di non saper più distinguere la realtà dalla finzione, gli antichi valori con dei freddi surrogati. E se talvolta il ritmo cala poco importa, ce ne fossero di “film minori” così. Viva Herzog!

Gli altri articoli del blog

Climax, il cinema “drogatissimo” di Gaspar Noè

Ecco Selfie, l’altra Napoli raccontata dai suoi protagonisti

La valigia dell'attore, intervista a Federico Rosati

Londra, il lavapiatti e il razzismo: una storia vera

First Reformed e gli Oscar in nero

Terni e Pittsburgh, tra horror e acciaio. Inseguendo il lieto fine

La Gente Resta: la fabbrica, l’inquinamento e la vita

Il curioso caso di Sex Cowboys

Suspiria versus Creed II, il cinema raffinato sfida i pugili

Papigno memories, quando gli studios vivevano di cinema

L'acciaio e i tronisti, il lungo sogno della Hollywood sul Nera

Potrebbe interessarti

  • Come scegliere il deodorante giusto? Ecco una guida

  • L'alcol fa male, se avete bevuto troppo ecco come smaltire la sbornia

I più letti della settimana

  • Terrore nel pieno centro di Terni: feriti un carabiniere e un dominicano

  • Comune di Terni, 126 nuove assunzioni: come fare per partecipare

  • Tragedia a Terni, precipita dal quarto piano e muore a 38 anni

  • Incidente stradale, tampona un tir e muore sul colpo

  • Incidente stradale, un ferito grave all'ospedale

  • Auto no-cost, scatta l’indagine dell’Antitrust: pratiche commerciali scorrette

Torna su
TerniToday è in caricamento