Soldatini rosa e bambole azzurre, i sindacati contro Alessandrini: “Non è lei a decidere se un progetto analogo si farà anche a Terni”

Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola: "Il 70% delle scuole ternane non rispetta le norme antisismiche, l’assessore si occupi di questo”

Soldatini rosa e bambole azzurre, ecco il testo del progetto

Non si ferma l’ondata di polemiche e discussioni in merito al progetto scolastico sulla parità di genere avviato nella scuola primaria di Fornole. Dopo il post di stamattina su Facebook del Forum Donne Amelia, adesso è il turno dei sindacati confederali della scuola di prendere posizione e di criticare in una nota congiunta l’uscita dell’assessore Alessandrini.

“Siamo davvero rassicurati – scrivono Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola – di sapere che anche secondo l’assessore all’istruzione del comune di Terni, Valeria Alessandrini, la scuola sia il luogo dell’inclusione. Dalla politica comunale ci aspettiamo infatti esclusivamente sostegno e supporto alle scelte educative delle scuole del territorio, senza interferenze fuori luogo e strumentali.

Tuttavia – prosegue la nota – ci duole dover constatare come le dichiarazioni dell’assessore comunale in merito al progetto di Amelia vadano in ben altra direzione, risultando cariche di pregiudizio rispetto alle scelte progettuali della scuola e poco rispettose dell’utenza e degli operatori scolastici che, all’interno degli organi collegiali della scuola e senza condizionamenti ideologici, progettano e condividono le scelte educativo-didattiche".

L'assessore Alessandrini: "Nelle scuole di Terni non entrerà mai un progetto del genere"

"Affermare infatti, come fa l’assessore Alessandrini – continua la nota – che un progetto come quello in atto nella scuola primaria Mameli non entrerà mai nelle scuole di Terni è un comportamento fuori luogo e inaccettabile, in quanto, al di là del tema specifico, eccede e anche di molto quelle che sono le competenze del suo ruolo.

Nessun assessore può pensare di poter decidere cosa entra nelle scuole e cosa no. La scuola pubblica è competenza dello Stato, e quali progetti possano attuarsi lo decidono i docenti e i dirigenti, senza dover interpellare la politica".

Il Pdf Umbria: "Serve il consenso informato dei genitori"

"Invitiamo pertanto l’assessore – concludono i sindacati – ad un impegno forte e costante negli ambiti specifici di sua responsabilità, dove per altro c’è davvero tanto da lavorare. A partire dall’edilizia scolastica, con circa il 70% delle scuole di Terni che non rispettano le norme antisismiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento